CUCINA DELLA MAMMA

Pesceduovo nasce in cucina quando si inizia a preparare il pranzo, dopo essere rientrati dalla spesa. O nel pomeriggio, già verso sera, quando stai terminando i compiti sul tavolo dove sono già impilati i piatti della cena.
Un pesceduovo può presentarsi anche di mattina, vestiti per la scuola e all’ora della merenda.
Un pesceduovo calma la fame e la voglia di protezione.
Pesceduovo seleziona le materie prime secondo le stagioni e il mercato. Per le uova e i polli si rivolge ad Aia Gaia che alleva in condizioni ideali, tenendo conto sia dell’alimentazione sia dello spazio. Per le verdure fresche, dà fiducia a piccoli produttori locali. Le farine utilizzate per la panificazione sono Timilìa e Senatore Cappelli. Pesceduovo propone un’ampia scelta di formaggi al carrello e il suo vino di casa proviene da vigne coltivate nella zona di Pachino.
La carta dei vini comprende importanti etichette dell’Etna e del Trapanese. Non mancano le birre artigianali sicule.
Pesceduovo ha ripensato le ricette tradizionali, attualizzandole, migliorando le cotture e la presentazione sul piatto.

Visualizza il menu

Menù Cenone di San Silvestro

UN’IDEA NATA IN CUCINA

Capitò così: ero a casa, in cucina, intento a scrivere al computer, cercando di buttare giù qualche idea su che fare di un locale che avevo appena visto.
La cucina è il luogo di casa che più ha conservato l’aspetto e l’atmosfera di quando ci vivevano i miei genitori e in particolare di quando vi si affaccendava mia madre. All’improvviso, girando lo sguardo attorno, gli occhi mi finiscono sui fornelli. Rivedo la mamma. E il ricordo si fa, a mano a mano, più preciso. Cosa sta cucinando? Ma sì, è un pesceduovo.
Quel piatto di fortuna, ambitissimo, era fatto con l’uovo rimasto dove erano state preparate un attimo prima le cotolette. C’era, dentro, un po’ di pangrattato, qualche fogliolina di prezzemolo e un vago sapore di fettina.
Con questo la mamma preparava un pesceduovo e, non so se fosse per il nome o per la piccola porzione a disposizione, ma a me e ai miei fratelli sembrava sempre più buono delle cotolette.
Chiunque in Sicilia sa cosa è un pesceduovo anche se esistono mille versioni differenti. Tutti, però, lo collegano alla cucina della mamma, di quelle mamme che, a qualsiasi ora, possono farti la domanda: hai fame? vuoi che ti prepari qualcosa?
A loro, alla cucina di casa, fatta di cose buone, tramandate con cura o improvvisate con quello che c’è in frigo, dedichiamo Pesceduovo, il nuovo locale quasi sul mare, a cinquanta metri dalla Fonte Aretusa.
Massimiliano Coco

PESCEDUOVO È

LA PASTA FRITTA

pomodoro
e parmigiano,
raffreddata,
tagliata a
dischetti, e
messa sulla
piastra;

LE FRITTATINE

con caponata,
polpo alla
Luciana,
polpette della
nonna con salsa,
coniglio alla
stimpirata,
prosciutto e
mozzarella

IL PANE CALDO

condito con
olio,
origano e
peperoncino;

LA PARMIGIANA

la classica con
melanzane,
pomodoro,
pecorino,
parmiggiano, uova
sode, pan
grattato e
basilico

LA CAPONATA

peperoni,
melanzane,
cipolla, sedano e
carote

LE UOVA A COLAZIONE

al tegamino,
sode, strapazzate
e omelette

INSALATA DI POLPO

patate,
prezzemolo,
aglio, polpo
sedano, carote e
cipolla

IL TIRAMISÙ

in porzioni da
due e da quattro
mascarpone uova
savoiardi, cacao,
zucchero e caffè

LE CROSTATE

torta della
nonna, torta
avola al
cioccolato
bianco, caprese
con cioccolato e
mandorle,
ciambellone

LE GRANITE

mandorla
limone
pistacchio